Tre errori di comunicazione che i team ibridi dovrebbero evitare